Giovani campeggiatori

Giovani campeggiatori

Se anche voi avete bambini in età pre adolescenziale probabilmente condividerete questo annoso problema: i vostri figli sono capaci di coordinare una considerevole quantità di attività multimediali con una sola mano, ma non riescono a tenere in mano un coltello, figuriamoci accendere un fuoco. State già sorridendo, ma in fondo non c’è molto da ridere, anzi viene naturale chiedersi se questo sia il prezzo da pagare per gli innumerevoli vantaggi che la tecnologia ci offre ogni giorno. Ma arrendersi a questa evidenza ed accettarla come naturale e semplice evoluzione della specie umana non va bene, vorrebbe dire lasciarsi andare ad un uso scorretto della tecnologia, lasciarsi sopraffare invece di usarla per soddisfare i nostri bisogni. Quindi se anche voi avete dei bambini perennemente connessi alla rete, ma incapace di connettere le mani al cervello, potreste far tesoro di qualche piccolo suggerimento che arriva dalla notte dei tempi…

Per esempio in questo libro che ho scovato durante una ricerca dedicata ai campeggi estivi…che probabilmente sono l’esperienza più auspicabile per i nostri piccoli cibernetici. The golden book of camping

Insomma qualcosa che ce li restituisca dopo un paio di settimane di sopravvivenza come qualcuno che sta a metà tra il piccolo esploratore e la giovane marmotta, qualcuno che alla parola “fuoco” pensi a quella cosa scoppiettante che scaturisce dalla legna, e non alla gragnola di colpi sparati in un videogioco.

camp campo knife tent

Già vi starete chiedendo se mettere semplicemente un libro in mano ai nostri ragazzi sia la giusta soluzione…ovviamente no. Ecco perché da qualche giorno mi sono messa alla ricerca di campeggi estivi che stimolino i ragazzi alla “sopravvivenza” a stretto contatto con la natura.

Un classico? I campi estivi del WWF WWF Campi estivi, una miriade di proposte e di temi…peccato solo che tutto questo ben di dio non sia proprio economico…ci vogliono almeno 500 euro per mandare un bambino una settimana in vacanza, e quindi non sono proprio alla portata di tutte le famiglie.

Lo stesso vale per i campi Gulliver Campi Gulliver websitein Sardegna: 600 euro a settimana escluso viaggio ed extra…

Insomma vi sembra normale che mandare vostro figlio in campeggio per una settimana costi più di una crociera per tutta la famiglia?

I Cocopeli Campus Vacanze Ragazzi Feliciin Ligura invece propongono addirittura un mese di vacanza alla modica cifra di 2000 euro.

A quanto pare il ritorno alla natura non è proprio così indolore, almeno per il portafogli…e allora? Ci sono sempre i cari vecchi Scout…oppure …(e questa ci pare la soluzione più vantaggiosa per tutti) regalate a voi e ai vostri ragazzi una bella vacanza all’aria aperta, sarà un modo per stare insieme e per imparare gli uni dagli altri. E per accendere il fuoco? Usate la carbonella e l’accendino.

 
Comments