Corso velocissimo di fotografia: presentazione

Corso velocissimo di fotografia: presentazione

Corso velocissimo di fotografiaparte introduttiva … non preoccupatevi, non è una pillola da inghiottire o una cassetta, da ascoltare con le cuffie la notte (ve le ricordate?). Grazie alle ultime tecnologie, o meglio, ai nuovi gingilli .. riusciamo a fare in pochi secondi quello che prima richiedeva giornate intere. E allora ci siamo detti: perché non condividere questo sapere e curiosità con tutti gli amici appassionati del ricordino magico? (che non è quello che scarichiamo al primo mal di pancia). Qui parliamo della passione di strizzare un occhio e fissare il momento magico o poetico che abbiamo davanti, per ricordarcelo o condividerlo. Partiamo intanto dalla parola fotografia, significa: scrivere con la luce, foto = luce, grafia = scrivere. È importante, secondo me, partire dal significato della parola, perché serve a capire da subito quanto sia importante la luce nella fotografia.

Il corso è dedicato a tutti, ma proprio tutti .. grandi e piccini, principianti e saccenti, armati e tirchi/indecisi … insomma, proprio tutti! La foto apparentemente stupida e semplice dello “sforaterra” che ho messo qui sopra, rappresenta in pieno il significato della parola fotografia. Guardate come la luce disegna i profili e crea le ombre contrapposte, rendendo tridimensionale l’immagine! Ritorneremo poi più avanti nel corso su questa immagine per chiarire altri concetti importanti, tenetela quindi a mente. Allego invece qui sotto una serie di semplici panorami:

 

 

semplici direi, ma efficaci per trasmettere la sensazione che ho provato in quel momento, un tuffo nel passato di qualche giorno fa!

come potete vedere dalle immagini qui sopra .. sto parlando del 25 aprile, festa della liberazione che abbiamo passato rispondendo all’invito di un nonno partigiano! il momento e il taglio di queste foto ricordo meritavano secondo me questa filtratura per trasmettere l’emozione sopra descritta. Nel viaggio di ritorno con una piccola deviazione ci siamo imbattuti nel paesino delle foto sopra (Montecastelli Pisano). Sulla strada abbiamo trovato anche un ipogeo, detto la Buca delle Fate.

 

Interessante no? Naturalmente sulla strada di ritorno non potevamo mancare la nostra tappa preferita, Volterra, dove abbiamo incontrato la miglior rappresentazione del fotografo, l’arte delle arti .. era un po’ che non ne incontravo qualcuno e soprattutto bravo!

 

 

… Volaterranum, merita davvero una visita approfondita!

 

Le foto le ho fatte con un telefono, elaborate sempre con il solito telefono e udite udite .. visto che è un telefono e prende anche il segnale 3G, le ho anche pubblicate qui! Se tutto questo vi interessa .. rimanete sintonizzati .. continueremo il corso in line e presto magari lo faremo anche incontrandoci di persona, che ne dite?

Corso velocissimo di fotografia: prima lezione

 

 
Comments