Cari vecchi anni 70

Cari vecchi anni 70

Camper…facebook…gruppo…Dered…tanti nuovi amici …ecco la formula per fare tante nuove esperienze e grazie proprio a Cinzia ex amica virtuale e oggi molto reale che sono venuta a conoscenza dell’evento Hollywood Remember a San Marino.Nata e vissuta a Rimini a soli 15 chilometri dalla bellissima repubblica indipendente non potevo non aver conosciuto questo locale molto in voga nelgi anni ’70 : L’Hollywood Club di San Marino, viene inaugurato nel 1975 e si presenta subito come un locale avveniristico per i suoi spazi interni e soprattutto per il giardino/discoteca esterna e la piscina potendo ospitare comodamente oltre 1000 persone.
Nel corso dei suoi 10 anni di vita (1975/1985) diventa punto d’incontro dei giovani non solo sammarinesi, ma anche della vicina riviera di Rimini e dell’entroterra.
Sul suo palco si sono alternati i grandi nomi della musica italiana e del mondo dello spettacolo; tanto per citarne alcuni, Riccardo Cocciante, Claudio Baglioni, Ornella Vanoni, Fred Bongusto, i Gatti di Vicolo Miracoli e ultimo in ordine di tempo Little Tony con registrazione RAI (3 settembre 1983) in occasione della Festa per la Fondazione della Repubblica di San Marino.
La colonna sonora dell’Hollywood è sempre stata affidata al dj Yuma, oggi si direbbe dj resident, fra i primi dj iscritti all’AIDJ (Associazione Italiana Disk Jokey) e proveniente da precedenti esperienze in discoteche locali; poi nel tempo si sono aggiunti i dj’s Zyba, Margher e Areo; tutti nomi per così dire “d’arte” ma che hanno origini precise.
Nel 1985 il locale chiude i battenti per riaprire in seguito ad una corposa ristrutturazione e diventa Symbol Club.

20120923-000859.jpg

Dopo anni di “inattività” ma con la passione che non si è mai sopita, i dj’s Yuma, Zyba e Margher, sono tornati in consolle nel 2005 al Joseph Dinner Restaurant, locale gestito dagli stessi proprietari dell’Hollywood, per un primo autentico “remember 20 anni dopo” e visto il successo riscontrato da quella sera e successivamente sia in manifestazioni pubbliche di grande richiamo che private, è scaturita la volontà di far rivivere i fasti dell’Hollywood Club. Con tanta passione e qualche remora i ragazzi di allora hanno deciso di far rivivere il locale insieme alle emozioni ad esso legate .Cinzia Marinelli insieme agli amici Yuma (Giancarlo Terenzi), Zyba (Claudio Mazza), Margher (Paolo Fabbri), Tiziano Serrandrei, Dede (Letizia Gasperoni) e Isabella Tognarini hanno organizzato questa serata che in verità è stata preceduta da un ‘altra l’11-maggio-2012 che ha avuto un bel successo e li ha invogliati a proseguire con una seconda appunto il 15-settembre-2012 a CAVES di Valdragone; e quando mi ha proposto di partecipare a questa festa ne sono stata subito entusiasta e insieme abbiamo pensato che fosse un ‘ottima occasione per incontrarci con gli amici di CAMPER CAMPER e ancora CAMPER e con quelli di RIMINI E SAN MARINO …vacanze in camper D’…A…MARE e abbiamo mandato gli inviti per trascorrere insieme il fine settimana .Già al venerdì sono arrivati parecchi amici e abbiamo sostato al vecchio campeggio ,ora in disuso e non curato ma ancora a disposizione carico-scarico e corrente e se si è fortunati anche la connessione internet ,il tutto gratuito , trascorsa la notte tranquillamente e dopo aver fatto fare una bella passeggiata ai pelosi ci siamo spostati ,sempre con i suggerimenti di Cinzia ,al parcheggio N.10 a pagamento ,da qua partono gli ascensori che portano direttamente nel centro storico .

Finita la visita alla città spostiamo ancora i nostri camper ,una decina in tutto , e questa volta nel parcheggio del locale dove si terrà l’evento.Una doccia e ci prepariamo x la serata ,il tempo è poco perché proprio come negli anni ’70 si entra alle 21 e si balla sino all’una , l’ingresso è di € 10 a persona ( allora era di £ 1000) e comprende una consumazione ,all’ingresso lasciamo la nostra firma su un cartellone che ricorderà le presenze , Cinzia ci ha prenotato un tavolo proprio vicino alla pista da ballo dove troviamo patatine ,pop corn e stuzzichini vari .L’atmosfera riporta subito indietro nel tempo : alla consolle i tre dj Yuma , Zyba e Margher con musica anni 70 , luci psichedeliche e lanci di fumogeni vengono proiettati sulla pista da ballo mentre su di uno schermo si susseguono immagini e foto dell’epoca ,non mancano le 2 ragazze che balleranno tutta la sera sul cubo e rigorosamente bionda e mora …insomma tutto riprodotto fedelmente!
20120923-001032.jpgMa quello che mi rimarrà più impresso è l’atmosfera che regna ; vedere queste persone che magari per tanti anni non si sono visti e si ritrovano a distanza di tempo a rifare le stesse cose di allora come se il tempo si fosse fermato. Noi qua siamo stranieri qua ed è con un po’ di invidia che possiamo solo osservare dall’esterno questo clima di amicizie ritrovate ma ciò non toglie che ci buttiamo nella mischia , balliamo tutta la sera e in quel momento ci sentiamo parecchi anni di meno…forse era anche questo lo scopo della serata ?…farci sentire più giovani anche se solo per qualche ora?
La serata è ormai conclusa e stanchi , molto stanchi fra i saliscendi delle stradine sanmarinesi e i balli , raggiungiamo le nostre case viaggianti e passeremo qua la notte ,la serata è freschina ma limpida e il panorama della costa illuminata ci appaga la vista.Gli organizzatori ci hanno salutato facendoci promettere che la prossima volta saremo ancora più numerosi nella più piccola ed antica repubblica del mondo.

[nggallery id=235]

San Marino Mon Amour

Inutile dire che a San Marino ci siamo stati innumerevoli volte ma con un cicerone come lei ha assunto tutto un altro aspetto , le 3 Torri che sovrastano la provincia di Rimini e da cui si gode uno spettacolo stupendo della costa romagnola. nell’interno contengono poi uno dei più importanti musei di armi storiche.
Sulle tre cime del Monte Titano, all’interno della città, vi sono tre rocche costruite a protezione dello Stato.
La Prima Torre è il vero souvenir del Medioevo, costruita direttamente sulla pietra del monte senza alcuna fondamenta, a base pentagonale, ma è stata rafforzata più volte successivamente. È detta anche “Rocca Guaita” e tra le sue solide pareti, si riparava il popolo durante gli assedi. Alcuni ambienti furono adibiti a carcere fino all’ottobre del 1970.
Sul secondo picco del Monte Titano, il più alto, a 756 metri di altezza, si erge invece il Castello della Cesta, detta anche Fratta. Costruita alla fine dell’ XI secolo, anche questa di pianta pentagonale. La Seconda torre era la sede del Corpo di Guardia. Verso la fine del XVI secolo, venuta meno l’importanza strategica, la Torre cadde in disuso fino al 1930 quando, nell’ammodernamento del Paese conseguente alla costruzione della ferrovia Rimini-San Marino si pensò di restaurare i monumenti per incentivare il turismo sul Titano.
Oggi ospita il Museo delle Armi Antiche e Moderne: sono ben esposte circa 500 oggetti tra armi bianche, armi in asta, armi da fuoco, armature tutte risalenti a varie epoche tra il Medioevo e i primi del 1900.
Di fianco alle mura si apre una porta e attraverso un sentiero immerso nel bosco, sulle pendici del monte, si giunge alla Terza Torre detta del Montale risalente alla fine del XIII secolo. E’ la più piccola per dimensioni, ma per la difesa, ha ricoperto un ruolo strategico: è collocata nella migliore posizione per la vedetta. Di qui potrete godere di uno spettacolo mozzafiato a 360 gradi dalle Marche a Ravenna. Si tratta di un fortilizio dalla pianta ottagonale. L’interno contiene una prigione profonda 8 metri detta “fondo della torre”. Intorno al Montale si vedono grossi massi di roccia molto antichi, sovrapposti in modo primitivo come muri.
Nel centro storico di San Marino si trova la Basilica del Santo, in onore di San Marino, fu costruita a partire dal 1826 sul luogo dell’antica chiesetta. E’ in stile neoclassico. L’interno ha tre navate e a sinistra dell’altare maggiore si trova il trono dei Capitani Reggenti, opera del ‘600; al di sotto dell’altare sono tumulate le ossa del santo; a destra in un monumento in marmo c’è una teca in argento che contiene la parte superiore del cranio del Santo.
Sulla destra della Basilica si trova la Chiesetta di San Pietro, interamente formata dalla viva roccia, dove sono scavate due nicchie che la tradizione popolare indicava come letti di Marino e Leo, alle quali i fedeli attribuiscono proprietà taumaturgiche.
Scendendo ci si trova sul “Pianello” o Piazza della Libertà dove si erge il Palazzo del Governo, cuore della vita politica sammarinese e della sua storia. Costruito sul luogo della Domus Comunis Magna, fu riparata diverse volte. Nell’800 il Palazzo Vecchio aveva l’aspetto di un edificio seicentesco, così su disegno dell’architetto Francesco Azzurri fu costruito con le pietre estratte dalle cave del Titano e nel 1894 venne inaugurato. Nell’occasione fu proprio Giosuè Carducci, che pronunciò il discorso sulla “libertà perpetua”. In seguito è stato restaurato e ristrutturato dall’ architetto Gae Aulenti nel 1996, per adeguarlo alle rinnovate esigenze di funzionalità e sicurezza.
La facciata è riccamente decorata con simboli: lo stemma della Repubblica e di quattro Castelli: Serravalle, Fiorentino, Montegiardino e Faetano. Sul lato sinistro si eleva la Torre Campanaria con le immagini dei Santi protettori dello Stato, sotto ai quali è posto l’orologio.
All’interno le pareti sono tappezzate di trofei, stemmi, busti di uomini illustri, anche non sammarinesi, ma che hanno segnato la storia del Paese. Il tesoro di questo Palazzo è la Sala del Consiglio a cui si accede tramite un imponente scalone. Qui si riuniscono i 60 consiglieri del Titano nei loro scranni. Sulla parete in fondo alla sala dietro al Trono dei Capitani Reggenti troneggia l’immagine del Santo Fondatore circondato dalla sua gente. Mi fermo qui nel descrivere le bellezze monumentali … ma tanti altri sono i luoghi di interesse: la Chiesa di San Francesco che ha una pinacoteca, la chiesa dei cappuccini il museo delle cere ed il Museo di Stato… A San Marino è bello, pure passeggiare nell’infinità dei vicoletti ,tutti in salita affiancati da una miriade di negozietti con i prodotti tipici del luogo .

 

 

 
Comments