Buona Pasqua: dillo con le uova

Buona Pasqua: dillo con le uova

Chi festeggia la Pasqua in camper avrà già avuto cura di sistemare le uova fresche in posizione protetta perché arrivino a destinazione sane e salve..pronte ad essere cotte, lo stesso vale per quelle di cioccolata, destinate ad essere scartate e solo allora rotte come tradizione vuole…

Ma vi siete mai chiesti perché l’uovo sia associato alle tradizioni pasquali?

Pillole di storia

L’usanza dello scambio delle uova ha origini ben lontane, ben prima del Cristianesimo e dei suoi significati connessi alla Pasqua. L’uovo è da sempre sinonimo di vita, nonché alimento ricco di proteine. Comunque la consuetudine di portare uova in dono risale agli antichi Persiani: in concomitanza con le celebrazioni per l’arrivo della primavera, si narra fosse consuetudine lo scambio del prezioso alimento che rappresentava la continua rinascita del ciclo di vita, quindi lo si celebrava con forte sacralità.
Il simbolo della vita e della rinascita, in relazione naturalmente alla morte e alla resurrezione di Gesù, viene assorbito dal Cristianesimo e rimane sostanzialmente immutato fino alla modernità.

Nel Medioevo il dono delle uova decorate comincia ad affermarsi come tradizione pasquale:  in Germania e nei paesi scandinavi, si diffonde l’abitudine di regale uova colorate la domenica di Pasqua. Sempre nel Medioevo, l’uovo pasquale diventa anche un oggetto di lusso: abbellito con metalli preziosi come l’argento. L’attenzione al lusso e alla preziosità dei materiali rimase intatta fino al 1800, con il famoso uovo di Peter Carl Fabergé: un esemplare di platino smaltato, contenente un secondo uovo in oro e due doni.
Ben più recente è l’usanza dell’uovo completamente ricoperto di cioccolato, i cui primi esemplari pare che siano usciti dalle corti di Luigi XIV, per poi estendersi in Francia e Germania già dai primi decenni dell’800. I primi esemplari sembrano non fossero vuoti come gli attuali, ma completamente ricolmi: il dolce vuoto, affinché potesse contenere una sorpresa, potrebbe essere proprio nato in concomitanza con i preziosissimi esemplari di Fabergé.

Inno alle proteine…decorate

Se siete a dieta e non volete trasgredire, meglio lasciare le uova di cioccolata ai bambini e fare il pieno di proteine con le uova sode…su queste potete sfogarvi come meglio credete, in esperimenti decorativi più o meno creativi (e qui i bambini saranno ben felici di darvi una mano), ma anche in ricette sfiziose, belle da vedere e gustose da mangiare…

Ecco qui una ricetta facile, veloce e d’effetto by Giallo Zafferano per fare un figurone durante il vostro pranzo di Pasqua in camper…

Topolini di uova

Buona Pasqua!

 

 

 
Comments