La storia di Diamante e dei suoi cuccioli

La storia di Diamante e dei suoi cuccioli

Stessa spiaggia stesso mare …..recita una nota canzone e io aggiungo stessi amici che ci aspettano come sempre a Diamante a fine settembre ,mare stupendo …temperature che ci permettono ancora di fare bagni e di abbronzarci ma anche un neo : quando partiamo la domanda che ci poniamo tutti, essendo un gruppo di persone che amano veramente gli animali, è: quanti cani randagi troveremo quest’anno? Dopo alcuni giorni di sosta nell’autunno del 2008 arriva una cagnetta  chiaramente denutrita e abbandonata ,chiaramente le diamo ospitalità per il periodo che ci fermeremo ma io sono dell’idea che intanto due mesi della sua vita li vivrà a pancia piena e avrà anche un po’ di affetto. Chiaramente come base sceglie il nostro camper ,credo che fra me e gli animali ci sia un qualcosa che non mi so spiegare ..una specie di feeling immediato ,ma va volentieri anche dagli altri soprattutto quando è ora di pranzo .È ovvio che c’è sempre chi si lamenta perché viene infastidito dai cani randagi ma per lei non è un problema, siamo in tanti a proteggerla io in prima linea naturalmente. In quel periodo avevamo solo la cagnona Martina che per fortuna  la prende a benvolere, anche lei era stata abbandonata in un campeggio. Insieme fanno branco e diventano anche aggressive quando qualcuno che non conoscono mi si avvicina e quando vado a fare il bagno mi scortano sino a riva e mi aspettano sino a che non esco :due  guardie del corpo veramente eccezionali!!!

Le serate sono stupende con le stelle che si specchiano nel mare che ti invitano a stare fuori sino a tardi , una sera decidiamo di cuocere le castagne in spiaggia e di sparare dei fuochi artificiali , Diamante quella sera ha un comportamento strano ;è molto agitata si infila dappertutto qualcuno azzarda ;è incinta !..ma non sembrerebbe è molto magra .Stiamo a goderci il panorama sino a tardi poi ci ritiriamo nel nostri camper ,naturalmente dormiamo con un finestrino aperto viste le temperature. Verso le due Diamante  ci chiama (è incredibile come riescano a farsi capire), mio marito esce a vedere è praticamente si trova nel bel mezzo di un parto . Sì insomma gli è toccato di fare l’ostetrico : 3 cuccioli stupendi!!!!I giorni che seguono per me e le mie amiche sono molto impegnativi ma abbiamo la soddisfazione di vedere che la famiglia cresce bene, Martina il mio cane diventa la zia e veramente sembra che faccia la baby sitter, pardon, la dog sitter. Purtroppo tutti abbiamo in testa un pensiero :che ne sarà di loro quando ce ne andremo?

Sono troppo piccoli non possiamo prenderli ! Cerchiamo un sistemazione ma è impossibile .I primi a partire saremo noi e quindi bisogna spostarli da sotto il nostro camper dove abbiamo allestito loro una comoda cuccia ,gli uomini si organizzano e credono di aver trovato un posto buono dove non dovrebbe raggiungerli l’acqua con un ‘eventuale mareggiata e costruiscono una casetta .Inutile dire l’angoscia di quando sono partita,  pensando al destino che aspettava Diamante e i suoi piccoli, visto l’arrivo dell’inverno. Per fortuna la mia amica  Silvana si è trattenuta ancora una quindicina di giorni poi avrebbe lasciato sacchi di crocchette al custode ma sapevamo che la nostra cagnetta avrebbe fatto una brutta fine . Naturalmente tornata a casa non mi sono dimenticata di lei ,assolutamente tutte le sere chiamavo e la risposta era sempre la stessa : vi cerca molto ma sta bene e i piccoli crescono …ma poi ? Una sera l’insperata notizia : sono arrivati in campeggio due equipaggi  olandesi e hanno portato via con loro tutta la famiglia ,la cosa mi ha fatto felice però i dubbi serpeggiano in tutti noi : dove la porteranno ?..in un canile ?….meglio un canile olandese che randagia in Calabria.Ottobre 2010 ….stessa spiaggia …stesso mare …sono sdraiata al sole e vedo arrivare due roulotte olandesi, chissà perché penso subito che sia Diamante. Impossibile mi dico. Invece il caso vuole  che si tratti di due dei piccoli di Diamante, questi signori non mi conoscono ma sapendo tutta la storia mi vengono a cercare e mi mostrano la foto di lei con l’altro piccolo che ha la sorella ! Impossibile descrivere la contentezza e l’emozione che ci ha preso tutti!!!!Questa storia finita nel migliore dei modi ci ripaga di tutte le volte che abbiamo aiutato gli amici dell’uomo che sono stati traditi dall ‘uomo stesso ,ma per qualcuno che trova una famiglia quanti vengono uccisi sulle strade?

Vi ho voluto raccontare questa storia a lieto fine solo perché spero che se anche a voi capiteranno esperienze simili non vi tiriate indietro, c’è sempre la scelta giusta da fare quando si tratta di aiutare gli animali. Ve lo dice una che non si tira mai indietro quando si può fare qualcosa!

 
Comments