A zonzo per Castiglioncello

A zonzo per Castiglioncello

Il mare ragazzi miei è bello in tutte le stagioni. Non so voi come la pensate ma a me che abito nell’entroterra  basta il rumore della risacca per stare bene. Insomma per prendere la strada del mare ogni scusa è buona …e a questo giro che la siamo trovata proprio buonissima. L’invito di un amico, uno stabilimento balneare che è aperto tutto l’anno e che ha da poco aperto un ristorantino, un compleanno da festeggiare…e la Vecchia Signora era già in moto, direzione Castiglioncello (li) e più precisamente Baia del Quercetano.

Praticamente l’unica spiaggia su una costa fatta di roccia vulcanica, scogli e gettate di cemento. Se arrivate a Castiglioncello dalla litoranea che proviene da Livorno (assolutamente da non perdere per la bellezza della vista del mare) è la prima cosa bella di Castiglioncello che potete vedere, sopratutto affacciandovi alla terrazza del belvedere si può godere dello spettacolo della baia nella sua interezza. Noi abbiamo parcheggiato il camper sull’Aurelia, lungo la strada che costeggia la ferrovia nelle strisce bianche. In questa stagione tutto è ammesso,  e così basta fare due passi per scendere al mare e trovarci davanti all’ingresso dei bagni Quercetano, gli unici aperti in questo periodo. Giancarlo, il proprietario è già all’opera. Mentre la moglie Rossella inizia a preparare per il pranzo, lui si prepara a pulire i ricci di mare. Un’operazione che è più delicata di quanto possa sembrare e richiede un po’ di tempo e di pazienza. Comunque se avete assaggiato quella prelibatezza arancione che contengono allora sarete d’accordo con me sul fatto che ne vale la pena. Non tutti sanno che quello che si mangia sono le uova del riccio, e che quindi solo le femmine sono commestibili, e si riconoscono per il color vinaccia a cui tendono gli aculei. Vanno maneggiati con cura per non bucarsi e tagliati in senso longitudinale con un paio di forbici, poi con un cucchiaino si gratta delicatamente la polpa, e a questo punto non resta che l’imbarazzo della scelta: mandare giù o mettere da parte per il sugo.

[nggallery id=182]
Intanto mentre noi diamo una mani a Giancarlo con i ricci un paio di persone arrivano in spiaggia e si mettono al sole, poi dopo qualche minuto si spogliano e rimangono in costume e si avvicinano all’acqua bagnandosi piano piano prima di farsi una bella nuotata. Qui anche  a dicembre il clima è mite, perchè il golfo è molto riparato, quindi è meta abituale di pescatori, sub e nuotatori vari, ma anche di gente con il libro sotto il braccio che cerca solo un’ora di relax al sole. Per riossigenarvi un po’ non c’è niente di meglio che una bella passeggiata, da qui in pochi passi arrivate a Castiglioncello sia passando dalla strada asfaltata, che dalla spiaggia. Passato il paese, con il suo centro ricco di negozi eleganti e bar chicchetosi, oltrepassate la storica piazzetta e dirigetevi verso la pineta per scendere nuovamente sul mare e passeggiare lungo costa fino a Cala de Medici, il porto di Rosignano Solvay.
Sono circa un paio di chilometri esposti al sole e sempre  riparati dal vento, si respira aria salmastra a pieni polmoni! Oppure se siete dei pigroni, che amano passare il free time a leggere un libro o a sfogliare una rivista, potete assaporare il gusto del mare d’inverno anche mettendovi al sole nello spazio piastrellato dei bagni Quercetano. Ora che non ci sono sdraio e ombrelloni, potete godervi il migliore relax.

Quando arriva l’ora di pranzo ci penserà il profumo dei piatti di Rossella a richiamarvi all’ordine. Polpo con patate, polenta al sugo di triglia, pappa col pomodoro e le seppie e i mitici spaghetti al riccio. Qui si mangiano antipasti e primi piatti, tutti cucinati in base al pescato che grazie alla perseveranza di Giancarlo è sempre freschissimo. Ma i bagni del Quercetano possono anche essere meta di una cenetta romantica o di una serata tra amici…basta dare un colpo di telefono a Rossella, e lei penserà a prepararvi una cenetta con i fiocchi…naturalmente vista mare…sul più bel golfo di Castiglioncello.
Noi ne abbiamo approfittato per festeggiare un compleanno, ed è stata una festa davvero speciale!

 
Comments